ESISTE UNA VITA PRIMA DELLA MORTE

Avvicinarsi con consapevolezza alla comprensione della morte e del morire.


Esiste una vita prima della morte è un seminario informativo di avvicinamento alla comprensione della morte, del morire e della funzione di accompagnamento, derivante da formazioni in campo sanitario, educativo, sociale e terapeutico e dalla ricerca applicata a singoli e a gruppi, con particolare riferimento all’educazione degli individui al rispetto della vita fino alla morte. 

Questo seminario permette di alzare il velo sull’argomento morte, riconoscendone i luoghi comuni, chiarendo il significato e comprendendo molti aspetti che oggi sono molto confusi quali, ad esempio, l’accanimento terapeutico, le cure palliative, il testamento biologico, le DAT, l’eutanasia, il suicidio assistito, ecc… Inoltre, per i partecipanti che lo desiderano, rappresenta anche la possibilità di acquisire un primo strumento per intraprendere un serio e sincero percorso formativo sulla comprensione della morte, del morire e della funzione di accompagnamento, confrontandosi concretamente ed in maniera pratica e costruttiva con il termine della propria esistenza; condizione imprescindibile per chi intende porsi in una relazione d’aiuto consapevole e trasparente con chi muore e con la sua famiglia quando presente.

La comprensione della morte e del morire, l’accompagnamento alla persona in fin di vita, il sostegno alla famiglia nell’anticipazione del lutto ed alla sua successiva elaborazione, non seguono nessuna ricetta pronta all’uso ma richiedono certamente delle qualità di base essenziali, fra cui l’attitudine ad un approccio umano e la volontà di seguire da vicino la propria personale evoluzione, oltre ovviamente alla consapevolezza della necessità di ricorrere ad una formazione continua.

Morire non è “qualcosa” che succede solo all’altro. L’incontro con una persona confrontata al termine della propria esistenza o a quella di un suo caro è un’esperienza che rimanda a se stessi, alla propria morte ed a quanto di più intimo è presente in sé.

Non esistono specifiche tecniche per accompagnare una persona al termine della sua esistenza; esistono però percorsi che permettono di contattare quell’intima parte di sé in cui risiede la comprensione della morte e del morire. É unicamente essendo in contatto con quella parte che ci si potrà permettere di entrare in una relazione d’aiuto onesta con chi vive direttamente o indirettamente il termine della vita.

“Esiste una vita dopo la morte?” Questa domanda è legittima, ma se veramente vogliamo comprendere la realtà della fine della vita, il vero quesito da porsi è “Esiste una vita prima della morte?”, una vita che prenda in considerazione l’essere umano nella sua dimensione di finitudine, non negando la morte a se stesso e tantomeno a chi giunge alla fine della vita.

Un professionista profondamente consapevole della propria morte, che si trovi ad interagire con un caregiver vicino a chi sta per morire, si pone allora nella relazione d’aiuto con un atteggiamento che diventa di complicità: “tu oggi fai un’esperienza che inevitabilmente farò anch’io domani” e questo, oltre a diminuire la distanza fra chi si prende cura e chi la riceve, non è solo a vantaggio del malato e della sua famiglia o della persona che riceve la formazione, ma è anche a vantaggio della qualità della quotidianità della professionalità di ogni singolo operatore confrontato con il fine vita, qualunque sia il suo ruolo.

ARGOMENTI TRATTATI

Qui di seguito i principali temi trattati durante questo seminario della durata complessiva di 8 ore. In base al gruppo partecipante ed alle esigenze delle linee formative dell’ente richiedente è possibile concordare successivamente specifici approfondimenti.

  • le cure di fine vita oggi;
  • dove si situa la comprensione della morte;
  • chi muore e quando si muore; 
  • la morte ed il morire nel quotidiano della vita;
  • comprendere la realtà della persona in fin di vita (introduzione)
  • accompagnare o assistere;
  • chi e perché accompagnare;
  • il sostegno alla famiglia e l’anticipazione dl lutto;
  • Il confronto con il termine della propria esistenza;
  • le DAT ed il loro valore formativo;
  • informarsi, comprendere, responsabilizzarsi;
  • proposte operative.

DESTINATARI

Anche se orientato principalmente a chi è impegnato o intende impegnarsi nella relazione d’aiuto (medici, infermieri, psicologi, assistenti sociali, counselors, insegnanti, educatori ecc...), questo seminario è rivolto a tutte le persone che desiderano iniziare un percorso di riflessione e di comprensione in relazione alla morte ed al morire. 


MODALITÀ di SVOLGIMENTO 

Il corso si svolge in un'unica giornata, solitamente con orario 09.00/13.00 - 14.00/18.00, per un totale di 8 ore.


INFORMAZIONI

Può richiedere maggiori informazioni contattando telefonicamente il (+39) 335 691 79 11 oppure compilando il modulo sottostante.

A presto...

I campi contrassegnati con il simbolo * sono obbligatori